Tu corri intorno al tavolo

Comunque sia, a proposito di quello che vi ho raccontato, c’è da ammettere che anche mia madre “rompeva cose”.
Per esempio, una volta, nel tentativo di inseguire mia sorella Carmela perchè chissà che aveva combinato, provò a darle un colpo di cucchiaio di legno.
Ma lei, agile come un’ancidda,  la scansò e il manico si spezzò rovinosamente sulla barra divisoria del lavello della cucina.

In genere però mia mamma si limitava ad inseguire senza dare seguito e questo era anche colpa di papà che aveva insegnato a tutti la tecnica.

L’aveva ideata lui stesso da bambino, per sfuggre ai suoi, e suggerita a colei che sarebbe diventata Ziuccibus,  sua sorella Maria: “Quando la mamma ti vuole prendere a legnate, tu scappa e corri  intorno al tavolo, che lei poi si stanca e la smette.”
Ma lei era sempre stata fissittuna, imbranata c’era nata, e anche da ragazzina, si incastrava da sola in un angolo e mia nonna gliele suonava.

Allo stesso modo mia sorella Rosa Rita, la maggiore di noi tre: si bloccava e piangeva.
Invece Carmela no.
Lei riusciva a scappare e allora mia madre doveva tirarle qualche cosa appresso e la rompeva di regola.

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyright © 2017 "Assittata in pizzo", all rights reserved. Powered by Morici basing on Romangie Theme.