Pasticceria Colicchia – Trapani

Gli stranieri sono convinti che la Sicilia sia la patria della pasta con le sarde e alla Norma, la terra dell’arancina, con tutti i distinguo di genere del caso, del gelato e della granita.
Ma si sbagliano. Perché in questo senso c’è Sicilia e Sicilia.

Nello specifico da palermitana non posso non ammettere una grande verità: la nostra granita non è buona come le altre assaggiate in alcune città orientali o semplicemente a Trapani.
E trovandomi giusto là qualche mattinata addietro ho fatto, a mie spese, la prima colazione alla Pasticceria Colicchia, sita appena dietro la chiesa di S.Agostino, molto centrale e piccola.

Un posto casereccio dove si possono trovare cinque o sei gusti di prodotto dolce e cremoso da accompagnare con la brioche (quella di pan brioche, con il tuppo, per intenderci non i croissant) o i biscotti all’anice.

La granita è davvero buona, da provare quella delicatissima al gelsomino.
Le brioches, palesemente di produzione in serie, sono nella norma.
Lo stesso si può dire per i biscotti all’anice, non freschi di giornata, che mi sono stati serviti in occasione di una seconda visita e nuovamente di una terza.

Il servizio è molto familiare e si sposa con la collocazione dei tavolini per strada, sotto i balconi del palazzo di fronte, in questo vicolo storico.

E sulla location però che casca un po’ l’asino: cari pasticceri, se volete una buona degustazione dovete pulire l’area dove servite, sennò i cattivi odori stradali alterano il gusto di quello che preparate.

Un po’ di voti:
Location 5/10 (10 per l’ubicazione 0 per il fetore)
Servizio 6/10
Presentazione dei piatti 5/10
Gusto e qualità 6/10 (10 alla granita, 6 alla brioche, 4 ai biscotti all’anice)
Rapporto qualità prezzo 6/10
Totale 28/50

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyright © 2018 "Assittata in pizzo", all rights reserved. Powered by Morici basing on Romangie Theme.