“Dovremmo essere tutti femministi” – Recensione di Paolo Costa

“Femminismo”, questa è la parola chiave del breve discorso che Chimamanda Ngozi Adichie, scrittrice nigeriana di gran successo, ha tenuto nel dicembre del 2012 per TEDxEuston.

In poco tempo, il suo discorso si è ampliato, diventando un libriccino di appena 50 pagine e dal formato talmente comodo da rendere impossibile il non portarlo sempre con sé, per ricordare a noi stessi giorno dopo giorno cosa dovrebbe voler dire vivere in un mondo in cui, finalmente, alle donne vengono riconosciuti tutti i diritti.
O quasi.

D’altronde, tramite esempi spinosi ma reali, con spaccati di vita quotidiana, Chimamanda racconta di quanto sia difficile e scomodo vivere come una “donna” in una società che ha soltanto finto di evolversi.

Sto parlando di “Dovremmo essere tutti femministi”, edito da Einaudi Editore e disponibile praticamente ovunque e in qualsiasi formato, digitale o cartaceo che sia.

Il piccolo volumetto è corredato da termini semplici e capitoli brevi, quasi istantanei, in cui Chimamanda riflette su cosa voglia dire crescere come una donna accusata di essere femminista, come se fosse qualcosa di negativo, ed essere minacciata o avvertita per questo motivo. Narrando della condizione delle donne nigeriane, Chimamanda spinge anche noi lettori di tutto il mondo a riflettere e aprire gli occhi su situazioni quotidiane che potrebbero sfuggirci, nascondendo un atteggiamento totalmente irrispettoso verso la figura Umana femminile.
Umana, sì, con la lettera maiuscola.

Chimamanda parla anche di questo, dopotutto: cosa voglia dire crescere come umani, rispettare i diritti di ognuno, non calpestare mai nessuno ed educare alla piena e sincera umanità.
Se siete persone intelligenti, amerte queste 50 paginette e le scolpirete nella vostra mente a chiare lettere, perché dopotutto, dovremmo essere tutti femministi e Chimamanda ce lo insegna con parole semplici, che scavano a fondo nelle nostre menti e lasciano un messaggio chiaro ed eterno.
Leggetelo e non ve ne pentirete.⁠⁠⁠⁠

Di Paolo Costa

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyright © 2018 "Assittata in pizzo", all rights reserved. Powered by Morici basing on Romangie Theme.