Rifiuto e rifiuto

Chi non ha paura del rifiuto?
Immagino nessuno. Tutti ci siamo passati, fin da bambini, e abbiamo dovuto fare i conti con i “no”.
Tanti, tantissimi. Molti quelli che ci hanno fatto soffrire. Specialmente quelli di chi abbiamo amato.

Muri di spalle

Muri di spalle

Eppure c’è rifiuto e rifiuto.
Meglio un grande, fragoroso, dirompente e distruttivo no, che tanti dinieghi piccoli piccoli, apparentemente di poca importanza che costellano certi rapporti.

Con il primo riesci ad imbastire una reazione, anche solo difensiva, i secondi non ti lasciano scampo.

“Non me la sento”, “Sai come sono fatto”, “Ho bisogno dei miei spazi”…
Piccole e frequenti incrinature che piano piano riempiono le relazioni di rimprovero e recriminazione e le soffocano.

Ad ogni piccolo no, mandi giù un boccone amaro di delusione, ed ogni volta è sempre un po’ più difficile andare avanti. Finchè molli.
La guerra si può vincere, ma anche se sconfiggi la guerriglia, contro quella perdi ugualmente, perchè ti lascia completamente distrutto.

 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyright © 2018 "Assittata in pizzo", all rights reserved. Powered by Morici basing on Romangie Theme.