Fusilli zucchine e prezzemolo

La cucina è un po’ un luogo stregato, lo è sempre. In particolare la domenica. Oggi ho visto che potevo preparare  i fusilli con zucchine e prezzemolo. E’ stato sufficiente dare un’occhiata al frigo e verificare che avevo il poco necessario e l’incantesimo si è compiuto in una manciata di minuti.

Questo semplice composto spadellato con un po’ di pasta al dente e una spruzzatina di panna caratterizza un pranzo così buono che sembra finto.

Ecco la ricetta.

Ingredienti (per ogni persona):

1/2 zucchina genovese (o 100 gr)
1/2 cipolla bianca o 1 cipolla di scalogno
5 0 6 fili di prezzemolo
1 cucchiaio di panna da cucina
pepe q.b.
sale q.b.
1/2 cucchiaio di olio e.v.o.
50/60 gr di fusilli

Tagliate a cubetti la zucchina, la cipolla e il prezzemolo, riponeteli in una padella con l’olio e accendete il fuoco.
Mi raccomando di mettere tutto insieme, salato e pepato a piacimento. Non si tratta infatti di utilizzare la classica tecnica del soffritto, in questo caso, ma quella cosiddetta “a tutto dentro”, una modalità di cottura variante siciliana di quella italica, molto più leggera al gusto perchè le verdure contenute rilasciano quasi immediatamente i loro succhi al contatto con il calore.

Nel caso in cui le zucchine sfrigolassero e non fossero ancora cotte, aggiungete pure una mezza tazzina d’acqua, lo potete fare con quella del rubinetto anche se l’ideale sarebbe usare quella della pasta che intanto avrete messo sui fornelli, ricca di amido. Non scandalizzatevi di questo, non sempre i vegetali hanno liquidi per quanto servirebbe e ogni tanto occorre aggiungere un po’ di umidità.

Appena ottenuta la cottura desiderata incorporate i fusilli al dente e spadellate con un cucchiaio di panna che lega tutto e trasforma questo insieme di elementi in una poesia. Non più di un cucchiaio, perchè non serve a condire ma a rendere cremosa la pietanza.

Fusilli zucchine e prezzemolo ... what else?

Fusilli zucchine e prezzemolo … what else?

Lo so, è quasi banale. E’ la base della cucina italiana: un soffritto (alleggerito), la pasta spadellata ed un legante. Eppure questa ricetta l’ho provata a casa di un’amica sarda, a Quartu S. Elena, solo un decennio fa.

Occasionalmente la sicilianizzo un po’, sostituendo la panna con un cucchiaino di pesto di pistacchi di Bronte. Nel caso utilizzaste questo ricordatevi di sciogliere ogni cucchiaino del composto in uno di acqua di cottura della pasta. Diversamente il piatto potrebbe risultare asciutto e non buono da mangiare.

Buon appetito e buona domenica.

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyright © 2018 "Assittata in pizzo", all rights reserved. Powered by Morici basing on Romangie Theme.