La befana dai capelli rossi (o viola)

E poi c’è lei. La befana più antica, dai capelli rossi (o viola). Quella che c’era prima e che ti coglie durante la pennica pomeridiana che non capisci esattamente se stai sognando o se ti è entrata in casa e si è messa davanti al tuo divano. Così, solo per infastidirti.

E’ la più truzza e orrenda di tutte. Sebbene oggi abbia un taglio corto color carota, e un’apparenza un po’ più ripulita, in un passato nemmeno troppo lontano si faceva fotografare mentre scuoteva una testa dalla folta chioma prugna. Quasi una Carrà rivisitata con occhiali da sole mosconi.

E’ una di quelle che ti dice che se si vede la chiappa non sono short ma mutande, che annuncia fiera al mondo di essersi rifatta le tette che ora sono alte e sode. E’ volgare, frequenta persone volgari e porta volgarità nella vita di chi frequenta. L’ha portata anche nella mia in qualche maniera e ogni tanto torna per riportarne un po’, ma senza una reale consapevolezza: è la sua essenza, le viene spontaneo.

rossa

befana volgare e triste

E’ una allegra a tutti i costi. Ma allegra non è.
E’ una che crede alle erbe e spera nelle cure a base di aloe vera.
E’ una che oggi è depressa e domani felice per poi tornare ad essere triste e malata del suo niente.

Una che ha l’aura disperata anche quando ride con i seni che traboccano fuori dal vestito.
Che non inganna nessuno.
Che la vedi lì che non basta a se stessa, figuriamoci agli altri.

E allora a lei cosa dovrei dire?
La compatisco, povera anima, dalle fessure degli occhi semichiusi e lascio perdere.
La sua volgarità, la sua finta allegra, il suo baratro – lontanti – non mi sfiorano.

 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyright © 2018 "Assittata in pizzo", all rights reserved. Powered by Morici basing on Romangie Theme.