Il #maiunagioia che è toccato a tutti raccontare

“Mi ha detto che ha tante persone per la testa e che per questo ha molta paura di farmi del male,  possiamo frequentarci ma non mi assicura nulla” . Questo è un tipico momento da #mainagioia che è toccato a tutti  raccontare prima o poi.
Chi non si è trovato ad essere messo "in caldo" per una relazione?

Chi non si è trovato ad essere messo “in caldo” per una relazione?

E in tanti abbozzano. E aspettano.
Signori e signore, sveglia!

Se un agognato partner vi dice così, non rifiutando nè accettando le vostre profferte amorose, vi prego di valutare bene il tipo di persona che avete davanti.
Se in premessa il sentimento di amore è legato al concetto di esclusiva, infatti, chi ha “tante persone per la testa” non è concentrato su nessuno in particolare e quindi non ha, e soprattutto non vuole, nessuno.
Lì è il momento di raccattare i pochi sentimenti o emozioni che si provano e si sono provati, perchè in questi casi si tratta più che altro solo di idee o forse anche di fantasie, e di battere in ritirata, per più di un buon motivo.
Il primo è che chi dice così non ha voglia nè intenzione di avviare una relazione, vi sta solo tenendo dentro una specie di scaldavivande emotivo, per mangiarvi come stuzzichino, ma non certo per saziarsi di voi; il secondo è che non ci sono sentimenti forse neanche emozioni di valore, che spiccano nel mare magnum quotidiano che, volenti o nolenti, investe ciascuno nel corso della propria esistenza giornaliera;  il terzo è che i sentimenti non albergano mai dietro frasi dove si usano espressioni come “forse” o “probabilmente” non “stanno nascendo”, i sentimenti ci sono o non ci sono, si provano o non si provano, funzionano esattamente come gli interruttori che accendono o spengono la luce e nulla più; l’ultimo è che vi trovate davanti ad una persona che, tra le varie tipologie di partner, può essere annoverata nella peggiore delle categorie infernali, il girone della vanità o, se va anche un po’ peggio, del narcisismo.
Che bisogno ci sarebbe di comunicare di “avere tante persone per la testa”?
Per non produrre troppe speranze nell’altro basterebbe dire che si cerca solo dell’amicizia.
Tutto il resto è vanto e orpello, forse ricerca spasmodica di rassicurazione del sè attraverso il riflesso del rifiuto vissuto negli occhi dell’altro.
In ultimo è una modalità di relazione viziata dalla volontà di tenere l’aspirante lì dove si trova, adorante, e possibilmente a tempo indeterminato, ma senza ulteriori investimenti.
Scappate.

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyright © 2018 "Assittata in pizzo", all rights reserved. Powered by Morici basing on Romangie Theme.